Rendi i preventivi attrattivi per il cervello

606 visualizzazioni - 25 Luglio 2022 -
Download PDF (34 download)

Condividi

Le ricerche in campo neuroscientifico suggeriscono alcuni piccoli accorgimenti per rendere un preventivo di più facile comprensione e stimolare la scelta.
Iscriviti al canale YouTube ‘Le Bussole’

#1 Rendilo breve

Il principio di fluidità cognitiva – ciò che risulta semplice lo troviamo più piacevole e gli attribuiamo fiducia – e il paradosso della scelta, l’esistenza cioè di una soglia di opzioni oltre la quale si genera un sovraccarico cognitivo che fiacca la possibilità di scelta, suggeriscono di raggruppare alcuni elementi della proposta, riducendo la lunghezza dei preventivi ed evitando una eccessiva scomposizione dei prezzi.

Maggiori dettagli potranno sempre andare in allegato.

#2 Proponi un beneficio per un tempo limitato

L’effetto scarsità e il principio di avversione alla perdita – siamo più motivati dal rischio di perdere o lasciarci sfuggire qualcosa che dalla possibilità di guadagnarla – suggerisce la possibilità di poter offrire un certo beneficio, quale un servizio aggiuntivo o un particolare prezzo, solo per un certo periodo, stimolando così la scelta per non rischiare di perdere l’occasione.

#3 Scala la prima cifra del prezzo 

L’effetto cifra a sinistra – è il numero a sinistra quello a cui, nel valutare il prezzo, si presta maggiore attenzione – può suggerire di modificare leggermente il prezzo, ad esempio da 20.000 euro a 19500 euro, sfruttando l’impatto del cambiamento della cifra iniziale sulla percezione complessiva del prezzo che risulterà passare, pertanto, dalla categoria mentale “sopra i 20.000 euro” a quella “sotto i 20.000 euro” e, quindi, percepito ben più basso degli effettivi 500 euro.

Per approfondire si veda Come ridurre il prezzo (senza ridurlo).

#4 Applica un prezzo molto preciso

Chi riceve un’offerta precisa tende a ritenere che il proponente abbia a lungo riflettuto sul prezzo, e disponga di solidi motivi per sostenerlo.

Per approfondire si veda Come si fa un buon prezzo?

#5 Usa le immagini

La grande capacità e velocità con cui il cervello elabora stimoli visivi – oltre il 50% della corteccia cerebrale è coinvolta nel processo di raccolta e elaborazione delle immagini, che vengono processate 60.000 volte più velocemente dei testi – suggerisce la possibilità, nel predisporre le offerte, di provare a ricercare un equilibrio tra testo e immagini .

#6 Consegna il preventivo stampato

Il principio dell’appello sensoriale – siamo maggiormente coinvolti e pronti a richiamare ciò che fa appello a più sensi – suggerisce di portare sempre il preventivo stampato al cliente, possibilmente su carta di qualità, evitando di inviarlo via email.

Manuale di riferimento

COLLANA LE BUSSOLE

NEUROMARKETING NEI SERVIZI. VENDERE DI PIÙ, VENDERE MEGLIO

Esiste una nuova frontiera delle vendite, che punta a indirizzare il cliente non aumentando la pressione sullo stesso, ma agendo sulla rimozione delle barriere che frenano la scelta. E quindi, grazie alla cura di piccoli ma importanti aspetti della relazione con il cliente, che agiscono come veri e propri acceleratori della decisione, è possibile arrivare alla vendita con meno sforzo, e non più.

A due anni dalla pubblicazione del Neuromarketing nel negozio, la Collana Le Bussole si arricchisce di un più ampio approfondimento sul tema, che guarda all’universo dei servizi (dall’ospitalità alla ristorazione e all’attività dei bar, dall’intermediazione immobiliare e di viaggio alle professioni) e, grazie ai tanti aneddoti e suggerimenti pratici, rappresenta un’indispensabile lettura per tutti gli operatori, imprenditori e professionisti, che vogliano essere più persuasivi nella vendita.

SCOPRI IL MANUALE

Per avere maggior supporto per la tua attività contatta la tua Associazione Confcommercio

SEI UN ASSOCIATO CONFCOMMERCIO?

Registrati con la tua tessera e scarica gratuitamente i manuali.

APPROFITTA SUBITO

NON SEI ANCORA ASSOCIATO?

Non sai cosa ti perdi.

SCOPRI I VANTAGGI